Sostieni il progetto | Museo delle Forze Armate

Sostieni il progetto

SOSTIENI LA COSTRUZIONE DEL CARRO, ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER COMPLETARE IL PROGETTO

 

Lo sai che a Montecchio Maggiore, il Museo delle Forze Armate 1914-45 sta compiendo un’impresa assolutamente unica al mondo?

 

Un po’ di antefatto…

Nel 1916, durante la Grande Guerra comparvero sui campi di battaglia i primi carri armati. Erano ancora rudimentali ma le varie nazioni cominciarono ad attrezzarsi con queste nuove “armi speciali”.

Anche l’Italia nel 1917 ordinò la progettazione e produzione di un carro armato nazionale così, nel 1918 fu realizzato il carro armato FIAT 2000: uno dei carri più pesanti ed uno dei più innovativi per l’epoca.

Di fatto però non combatté la guerra e dei due esemplari costruiti si persero le tracce negli anni Trenta.

In occasione del Centenario della Grande Guerra l’Associazione Nazionale Carristi d’Italia ha proposto di “ricostruire” un FIAT 2000 in collaborazione con l’Associazione Raggruppamento SPA.

Soltanto l’adesione al progetto da parte di Giancarlo Marin, presidente del Museo delle Forze Armate 1914-45 ha permesso di poter dare vita alle intenzioni.

E così un paio di anni fa è effettivamente cominciata la ricostruzione che stiamo cercando di portare finalmente a conclusione.

Lo straordinario cimelio sarà esposto proprio a Montecchio Maggiore. Un pezzo assolutamente unico al mondo, che è stato riprogettato e ricostruito partendo dalle fotografie dell’epoca, di un modello coevo in scala e dei pochi disegni disponibili recuperati nei vari archivi.

La ricostruzione, va detto, non ha fini di lucro, non intende affatto celebrare la guerra o gli strumenti per farla.

Lo scopo al contrario è quello di ricordare, attraverso un carro che non combatté mai la guerra, il genio e l’innovazione, la maestria meccanica ed industriale di un mezzo unico del suo genere, e degli italiani che lo realizzarono.

L’impresa è stata titanica, ed onerosa: il FIAT è lungo circa sette metri e mezzo, alto tre metri e ottanta e pesa oltre 38 tonnellate.

 

Vuoi partecipare ed essere quindi anche tu parte di un progetto che resterà nel tempo?

Ogni aiuto, anche piccolo è prezioso.

Un sostegno che può avvenire, se vorrai, in diverse modalità:

- Un contributo discrezionale, 5 euro, 10 euro, 30 euro, insomma, quello che ritieni opportuno!

- Con un contributo di 200 euro puoi “adottare” una maglia di cingolo – ne restano 20 – e personalizzarla con il tuo nome o quello della tua Associazione o Gruppo.

 

A tutti i benefattori verrà inviato un attestato di riconoscenza. Inoltre saranno trascritti nell’albo ufficiali dei partecipanti all’impresa. I nomi saranno esposti accanto al carro.

 

Aiutarci è semplice

1) Puoi farlo collegandoti al link paypal presente sul sito del Museo al seguente indirizzo http://www.museostorico.com/sostieni-il-progetto

2) Oppure fare un BONIFICO BANCARIO alle seguenti coordinate:

Chianti Banca Credito Cooperativo

IBAN: IT 48 J 08673 02802 032000322230 (codice BIC CCRTIT2TCHB)

Intestato a: Associazione Nazionale Carristi d’Italia – Sezione di Firenze Via Giovanni Paisiello, 166 – 50144 Firenze

Causale: Nome, Cognome, Codice Fiscale, contributo progetto ricostruzione replica carro pesante FIAT 2000

 

Un Grazie pesante 38 tonnellate!